Dic 21

Manutenzione impianti

Share
Tempo di lettura: 1 min

Di solito, in un'azienda che si occupa di informatica, la mutenzione degli impianti è una cosa relativamente semplice.
Si entra nella server farm, male che và si deve alzare qualche piastrella del pavimento flottante, e si procede con la manutenzione prevista.
La cosa si fa "lievemente" più complicata quando l'apparato da manutenere si trova su di un traliccio a 1600 metri sul livello del mare ed è pieno inverno. Allora puo accadere che, per raggiungere l'apparato, non sia sufficiente aprire la porta della server farm ma bisogna fare cose di questo tipo

Immagine 005.jpgEd anche una volta che si è arrivati al traliccio, non è sempre detto che la situazione sia rosea....bisogna pur sempre salire in cima 😀

Immagine 012.jpgInsomma, io lo dico sempre: la Micso è bella perchè, ogni giorno, non sai mai cosa potrà capitarti.

Dic 20

Bentornato in Italia

Share
Tempo di lettura: 1 min

Questa mattina il nostro super web designer (vedi esempio) è tornato da una lunga vacanza dalla Svezia.
Come è quindi ovvio, la nostra mattinata è stata occupata nell'ascoltare le sue avventure svedesi che, al contrario di come potreste pensare, non erano incentrate su racconti erotici, ma, in particolare, all'elogio della precisione e del senso civico che pervade la società svedese.
Ma ovviamente, come dopo una lunga immersione sott'acqua, anche in questo caso, è necessario far fare al nostro personaggio un periodo di decompressione.
Dobbiamo quindi ringraziare il corpo della polizia municipale di Pescara che, questa mattina, ci ha permesso di ricordare al nostro web designer che questa non è la Svezia.
Non si poteva infatti chiedere migliore decompressione se non quella di assistere al puro e cristallino senso civico di noi italiani ed, in particolare, delle nostre forze dell'ordine.
Il momento topico è stato quindi immortalato da quel perverso strumento che è la fotocamera di un cellulare.

polizia_municipale_di_pescara_in_sosta_handicappati.jpgBentornato in Italia!!!!

Dic 18

Men at work

Share
Tempo di lettura: 1 min

Mentre il sottoscritto tentava di fotografare una piattaforma di taratura per la misurazione delle performance di link wireless necessaria per la stesura di un documento per la regione Abruzzo, dei disturbatori, sicuramente comunisti, si intromettevano tra me e i miei simpatici apparati, per trasmettere dei sovversivi messaggi di gioia e felicità ovviamente fuori luogo.

IMAG0151.jpg

Vi chiederete cosa avranno da essere felici?
L'essere a destra ha appena ottenuto un nuovo PC per l'ufficio e quindi potrà far girare le sue quindici macchine virtuali con Windows dentro a Linux ad una velocità fino ad ieri impensabile.
Le protuberanze di sinistra invece sono contente per aver liberato dall'assideramento le sue antennine in quel della Majella.
Dic 15

Quando anche l'occhio vuole la sua parte

Share
Tempo di lettura: 2 min

Alcune settimane fà mi è arrivato a casa il catalogo di un fornitore di materiale hardware di Bologna. Ma fino ad oggi non ero ancora andato a vedere il loro sito.
Prezzi interessanti e tanti bei prodottini. Insomma sembra un bel posticino dove comprare, per esempio, l'armadio rack da mettere nel mio studio per proteggere finalmente dalla barbarie dei miei cari figliuoli, gli apparati di rete di casa.
Tra parentesi ero rimasto particolarmente incuriosito da un armadio rack veramente piccolo pensato ad-hoc per uffici dove è importante salvaguardare lo spazio. Solo che dalla foto del catalogo non si capiva bene come fosse fatto.
Inoltre, incuriosito dalla frase del catalogo "Filmato di presentazione del prodotto sul nostro sito", oggi mi sono deciso a visitare il link proposto.
Ed ho trovato fnalmente un fornitore di hardware che ha capito che anche l'occhio vuole la sua parte 😀
Se volete avere un'idea del prodotto a cui sono interessato e del perchè della frase "anche l'occhio vuole la sua parte",  potete scaricare il video del prodotto.
Per chi non può attendere, eccovi uno snapshot del video

armadio_slim_snapshot_video_presentazione.jpgDa notare l'accurata scelta del vestito della signorina. Se poi volete dare un'occhiata ad altri capi del suo guardaroba altri prodotti messi in vendita dall'azienda, potete guardare il filmato del microscopio USB e delle telecamere IP.
Ma il vestito prodotto che a mio avviso prende 10+, e non poteva essere altrimenti, è il video di presentazione dell'azienda di cui potete ammirare qui sotto uno snapshot.

web_marketing_snapshot.jpgVisto che popo' di prodotti? Comunque, a parte gli scherzi, un'azienda che ha capito come attirare l'attenzione e con tanti prodottini simpatici e un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Io ho già fatto la richiesta di essere accreditato come cliente, se avete una partita IVA, fateci un pensierino.
Dic 14

Uso di prodotti opensource nell'industria dell'IT, una scelta o una necessità

Share
Tempo di lettura: 1 min

E finalmente siamo arrivati al mio video relativo al talk da me tenuto all'interno dell'evento "Open source e tecnologie collaborative dalla condivisione dei contenuti alle pratiche condivise".
In questo video, dopo un breve accenno alla mia vita personale e al modo in cui ho incontrato l'open source e in particolare il sistema operativo Linux, tratto l'uso dell'open source all'interno di una industria dell'IT, in particolare, la ditta presso quale lavoro e analizzo quali sono stati i vantaggi e gli eventuali svantaggi dell'uso di prodotti open source in questo particolare settore tecnologico e quali sono i vantaggi e gli eventuali svantaggi dell'uso di prodotti closed source.
Infine una provocazione lanciata ai prodotti opensource nell'analisi di alcune pecche di fondo attualmente presenti nel modo di lavorare dei programmatori open source.

 
Se metti insieme in una stanza 10 informatici è la fine.
Dic 13

Gianluca del Conte - Open source e supercomputer

Share
Tempo di lettura: 1 min

Gianluca del Conte, dell'università di Teramo descrive cosa è successo nel mondo dei supercomputer e del calcolo parallelo con l'avvento dell'open source e, in particolare, la possibilità che questo ha dato di portare il mondo del cluster e del calcolo parallelo su calcolatori basati su hardware a bassisimo costo.
Vengono analizzati alcuni prodotti opensource per la realizzazione di cluster a basso costo basati su Linux tra cui beowulf e openmosix.
Vengono inoltre analizzati le tre tipologie di cluster ossia Failover, load balancing e high performance computing e i più eclatanti risultati basati sul grid computing.

 
È meglio usare 1024 polli per arare un campo che due buoi
Dic 11

Raffaele Mastrolonardo - La via collaborativa al giornalismo

Share
Tempo di lettura: 1 min

In questo secondo video ripreso durante l'evento "Open source e tecnologie collaborative dalla condivisione dei contenuti alle pratiche condivise", Raffaele Mastrolonardo, giornalista, illustra i cambiamenti sociali e culturali alla base della rivoluzione del Web 2.0 e come questo contesto impatta sulla pratica sociale del giornalismo.
In particolare vi è in questo video un'analisi approfondità dello stato attuale del giornalismo collaborativo tra cui WikiNews, AllMyNews e i modelli organizzitivi che stanno dietro alla produzione dell'informazione collaborativa.

 
Nel secolo scorso Ford non si doveva preoccupare di un gruppo di dilettanti della domenica che si riunivano a progettare un'auto. Oggi, nel campo del software, Microsoft è costretta a farlo.
Dic 08

Massimiliano Bianchi - Bit-work lavoro e scambi in rete

Share
Tempo di lettura: 1 min

Da questo post e per i prossimi sette giorni cercherò di pubblicare con continuità i filmati dell'evento "Open Source e tecnologie collaborative, dalla condivisione dei contenuti alle pratiche condivise" tenuto presso l'aula tesi della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Teramo il 31 maggio 2007.
In questo primo talk, Massimiliano Bianchi, web designer e bit-worker, descrive alcuni degli strumenti collaborativi nati sull'onda del Web2.0 tra cui twitter.com.

 
OpenSource è fare tanto con poco.