Apr 20

Il cellulare fa venire il tumore?

Share
Tempo di lettura: 3 min

Un tribunale riconosce a un dipendente di un azienda che ha usato, per lavoro, per 15 anni, il cellulare per almeno 3/4 ore al giorno, una rendita vitalizia per malattia professionale riconoscendo un nesso causale tra uso del cellulare e il tumore al cervello che è venuto a questo dipendente.

A parte le sentenze dei giudici che spesso hanno preso delle cantonate enormi. Vediamo cosa dice PubMed utilizzando come parole chiave "cancer mobile phone"

Divertitevi a trovare altri pro e contro le onde elettromegnetiche su PubMed

Ma alla fine, questi cellulari fanno male o no. Boh, per ora non si sa, checchè ne dicano i tribunali

Apr 14

Tramontana, il nuovo cortometraggio di Montanus

Share
Tempo di lettura: 1 min

Diciamocelo, con tutta la neve che ha fatto quest'anno, era proprio l'anno giusto affinchè il duo abruzzese di Montanus, potesse tirare fuori questo cortometraggio dal titolo azzeccatissimo "Tramontana".

Cos'è? L'Alaska? La norvegia? La madre Russia? No, semplicemente l'Abruzzo e scusateci se è poco.

Tramontana è un viaggio multisensoriale tra tutti i piaceri, le paure e le emozioni che il connubio montagna e MTB posso darti.

E, al contrario di altri, dietro al lavoro di ripresa, montaggio, produzione del video non c'è una troupe professionale. Ci sono ancora loro e questo rende questo video ancora più spettacolare.

E allora gustiamo i nostri cari monti e la neve che quest'anno ha dato si tanto piacere ma anche tanti danni ha causato, grazie agli occhi di Montanus.

 dei luoghi del video e dell'attrezzatura usata.

Apr 12

Gara di primo soccorso ad Ancona (2017)

Share
Tempo di lettura: 1 min

Sei anni fa partecipavo, per la prima volta come soccorritore, ad una gara di primo soccorso ad Ancona. Purtroppo da quella volta non ho potuto più parteciparvi perchè a queste gare, giustamente, sono esclusi medici, infermieri e studenti di queste aree.

Ma quest'anno, come "preparatore atletico" e fotografo ho accompagnato due squadre del gruppo giovani della Croce verde, a questa gara. Squadre che, come sempre hanno saputo far valere le proprie professionalità mettendosi in gioco contro squadre di altre associazioni.

Qui le foto della bellissima giornata.


Gara di primo soccorso - Ancona 2017

Mar 01

Frullato di Cardio, Pneumo e chirurgie varie. Patologia Sistematica I

Share
Tempo di lettura: 2 min

Più che un esame, un epopea con ben quattro professori da cui dover transitare prima dell'agognato voto. E quindi, andiamo con ordine.

  • Chirurgia Toracica
    • PNX (domanda a piacere)
    • Mesotelioma pleurico

Qui l'ho stupito ricordandomi l'SV-40

  • Cardiologia
    • Funzioni che il cuore mette in atto per tentare di risolvere uno scompenso cardiaco

Ha voluto sapere tutto. Dai barocettori e conseguente scarica catecolaminica con aumento della FC, pre-carico, post-carico, inotropismo, sistema renina-angiotensina-aldosterone, peptide natriuretico atriale, ADH con i vari passaggi su come funzionano

  • Cardiochirurgia
    • Stenosi aortica, segni all'esame obiettivo di stenosi aortica
    • Criteri di chirurgia per la stenosi aortica
    • Che vasi si usano per i bypass coronarici e quale scelgo tra quelli per la coronaria anteriore discendente (la a. mammaria)
    • Che criteri conosci per classificare le dissezioni aortiche (DeBakey, Standford e quella acuta, subacuta, cronica a cui lui ha dato un nome che però non ricordo) con ovviamente la descrizione precisa dei vari criteri
  • Pneumologia
    • Polmonite nosocomiale

Qui, da notare che c'è rimasta molto male quando gli ho detto solo l' Acinetobacter e lo Pseudomonas aeruginosa come batteri della polmonite nosocomiale. Inoltre, dato che un collega, all'inizio della sessione non era riuscito a spiegare come si fa un esame obiettivo di un paziente, a tutti ha chiesto, relativamente alla patologia chiesta, l'esame obiettivo del paziente. In particolare nella polmonite, alla palpazione, FVT aumentato, alla percussione suono di coscia, all'auscultazione, MV ridotto o assente, crepitazione a piccole o medie bolle e poi, cosa che non sapevo, lei voleva quella che per lei è l'evidenza più eclatante dell'auscultazione polmonare di una polmonite, il soffio bronchiale (che non ricordavo assolutamente)

 

E ora ci attende il grande mostro

 

Gen 28

Cispolata in notturna a Controguerra lungo fosso Giardino

Share
Tempo di lettura: 1 min

Durante la dura nevicata di Gennaio 2017, un gruppo di amici, impazienti di usare le ciaspole, decide che non serve allontanarsi troppo e che il divertimento è, come si dice, proprio li dietro l'angolo.

Affrontare il fosso Giardino, sotto a Controguerra (TE), con le ciaspole in notturna

Scarica

per ritrovare quei luoghi visitati spesso in MTB ma che ora, con la neve, acquistano tutto un nuovo sapore.

Questo è il video dell'evento

Per Davide, Fabrizio, Elena, Maurizio. Grazie aver condiviso con me questo magico momento.

Gen 26

La filastrocca dell'emogas

Share
Tempo di lettura: 1 min


L’emogas ti dà problemi?
Puoi scordare i tuoi patemi
e campar fino a cent'anni
(senza fare grossi danni),
Se ricordi poche cose
con premesse doverose,
e un po’ di...fisiologia
da recuperare per via:
l’emogas sia valutato
sempre al letto del malato
e i parametri vitali,
tu, ben sai, sono essenziali.
Ciò che conta, fà attenzione,
è il tuo caro idrogenione
(per Sgambato e Sbrojavacca
puoi scordarti del pAcca!).
Se il paziente non respira
il pH in basso vira,
così pure ti si abbassa
se la perfusione è bassa;
se il paziente fai soffiare
il pH vedi alzare
e, se liquidi trattiene,
pure in alto se ne viene.
Se il compenso è non previsto
il disturbo sarà misto
e parlar di “ipocompenso”
è una cosa senza senso.
Sempre sia considerato
il valore del lattato:
la cattiva perfusione
mostra più della pressione.
Ch’ è da dar bicarbonato
non è affatto dimostrato
ed a qualche “buon dottore”
causa certo gran dolore,
così pure gli dai strazio
se dimentichi il potazio
“Il paziente è assai complesso”
sa ogni medico non fesso.dd

Gen 24

Esame di Farmacologia

Share
Tempo di lettura: 2 min

Nonostante un periodo molto incasinato per il sottoscritto, con tirocini in atto, il lavoro, il divertimento e tutto il resto, ci siamo tolti di mezzo un esamino mica da ridere: farmacologia.

Anche stavolta, purtroppo, domande al limite del programma anche se meglio di quanto successo a diagnostica per immagini perchè, seppur al limite, molte le sapevo.

  • I farmaci della gotta

Allopurinolo, FANS, Corticosteroidi, Colchicina con meccanismi. Peccato non essermi ricordato che esistono anche agenti uricosurici come il probenecid.

  • I farmaci del morbo di Parkinson

Reserpina, Selegina, Antagonisti colinergici, L-DOPA + carbidopa con il perchè si usano insieme. Nota, lui era convinto che L-DOPA + inibitore della dopa-decarbossilasi si chiamasse carbidopa, ossia che la carbidopa è un somministrazione congiunta di L-DOPA + un inibitore della dopa-decarbossilasi. Io e un'altra ragazza gli abbiamo risposto che ci sembrava strano e che noi avevamo capito che la carbidopa è un inibitore della decarbossilasi. Come in effetti è 🙂 Ovviamente anche inibitori delle MAO.

  • I farmaci dell'ulcera gastrica

Qui purtroppo mi ha preso in contropiede. Negli scritti questa domanda usciva fuori ma ora che si fa solo orale l'avevo proprio dimenticato come possibile domanda. Sono andato un po' a tentoni ricordando gli inibitori della pompa protonica come pantoprazolo e omeprazolo e gli anti-acidi. Mi ha poi chiesto se erano farmaci o pro-farmaci. La risposta era abbastanza ovvia vista la domanda ma io, non ricordandolo ho preferito buttarmi sulla risposta sbagliata per evitare poi che mi chiedesse come si attivavano visto che non lo sapevo. Sono pro-farmaci ovviamente che si attivano a basso pH come quello del lume gastrico.

 

Dic 20

Diagnostica per immagini

Share
Tempo di lettura: 2 min

Un altro piccolo passo in avanti, l'esame di diagnostica per immagini. Poteva andare molto molto meglio. Non mi è stato chiesto all'orale nulla di quello che sapessi bene ma è andato e va bene cosi.

Radioterapia

Esame scritto di radioterapia. Non è stato guardato per niente. Ho visto il voto solo perchè era il primo della lista sul tavolo.

Esame orale con Cotroneo (credo)

  • Se dovesse spiegare a qualcuno cosa è la diagnostica interventistica, cosa gli direbbe?

E qui credo di essermela cavata.

  • Diagnosi e terapia della stenosi carotidea

Cosa??? E va beh... ho parlato della clinica del paziente, dell'esame in ecocolor-Doppler e dell'eventuale terapia.

  • Esami di secondo livello?

La TC con la visione della parete vasale del vaso.

  • Che si vede bene anche in eco. Per cosa ci è utile?

Voleva sapere che probabilmente il paziente con stenosi ha delle TIA causate da microtrombi che poi si riassorbono con termine della clinica. Con la TC lui vuole vedere le microlesioni causate da questi trombi.

  • In funzione della placca, quando c'è l'indicazione alla terapia farmacologica, con stent e chirurgica?
  • Mi spieghi cos'è e come viene applicato lo stent.

Ho dato fondo alle mie conoscenze ovviamente basate sullo stent coronarico. A quanto pare quello per la stenosi aortica è differente perchè non si gonfia ma si autoespande. Per il resto tutto uguale.

  • Va bene... passiamo a qualcosa di più leggere e semplice....

o finalmente mi chiede qualcosa su come funziona RX, TAC, risonanza magnetica, ecografia

  • Diagnosi e stadiazione dei tumori del polmone

Ma va va. Finita questa mi stava verbalizzando ma, per fortuna, il collaboratore gli ha ricordato che dovevo fare la prova al diafanoscopio che poi è andata perfetta

Diafanoscopio

L'immagine non è quella qui di fianco ma simile. La lesione era più tondeggiante e meno iperdensa senza aspetti colliquativi all'interno.

  • Cos'è?

TC

  • Che ragionamento ha fatto?

Può essere una TC o una RM. In particolare il liquido cefalorachidiano è scuro e quindi potrebbe essere un RM pesata in T1 ma l'osso è bianco mentre in RM sarebbe nero. Inoltre avrei una migliore differenza di contrasto tra sostanza bianca e grigia

  • Che differenza c'è tra RM e TC in termini di risoluzione?

RM maggiore risoluzione di contrasto e TC migliore risoluzione spaziale

  • Quando usa la RM e quando la TC

Vari esempi (ictus e traumi) per cercare di spiegare quando usare la TC anche in prima istanza  e quando la RM

  • Un tipo di sequenza in RM che mi da in pochi istanti la differenziane tra tessuto sano e ischemico

DWI

  • Cosa vede nell'esame?

Area iperdenso circondata da alone ipodenso dovuto probabilmente a una lesione metastatica (azzeccata la diagnosi)

  • E poi?

Effetto massa con compressione del ventricolo laterale.

Nov 23

Comunicazione radio in protezione civile e emergenze

Share
Tempo di lettura: 1 min

radiohamAvevo già scaricato su DocSlide una versione delle mie lezioni sulle comunicazioni radio per gli operatori di protezione civile.

Ma ora mi sono accorto che la versione online è diventata vecchia e obsoleta.

Per questo motivo mi sono deciso a pubblicare una versione aggiornata che è quella che ho usato quest'anno durante i corsi ai nuovi operatori di protezione civile della Croce Verde di Villa Rosa e del Pros Onlus di Pineto.

Fatene buon uso.

Comunicazione radio in protezione civile e nelle emergenze

Clicca qui per scaricare il documento

Mag 09

MTB Trail dei due parchi

Share
Tempo di lettura: 6 min

Prima edizione, domenica 8 maggio, del Trail dei due parchi, a Villa Lempa di Civitella del Tronto (TE) organizzato dai Muddy Bikers di Villa Lempa, evento che, per accontentare i due volti di questo sport, quello competitivo e quello "slow", prevede due partenze, una per la competitiva e una per la cicloturistica su un percorso comune.

Un banco di prova per testare se un gruppo di recente formazione sia in grado di organizzare, gestire e far divertire dei bikers provenienti dall'Abruzzo e dalle Marche. Banco di prova che, a mio modesto parere, è perfettamente riuscito seppur con qualche criticità che evidenzierò nel prosieguo e che spero siano lette come critiche costruttive in un'ottica di continua crescita e miglioraramento.

Ai blocchi di partenza

Ai blocchi di partenza

Ma andiamo con ordine. Da Controguerra a Villa Lempa giungono 4 baldi bikers pronti a godere di quello che la giornata saprà donare loro.

Le fasi di registrazione si svolgono relativamente veloci anche grazie alla purtroppo bassa partecipazione all'evento. Visto il bel percorso sono convinto che questo sia un problema di gioventù che gli anni futuri sapranno sicuramente colmare.

Il sottoscritto, conscio degli scarni pacchi gara di ben più blasonati eventi, preferisce non usufruire del medesimo. Ed effettivamente il contenuto del pacco gara è veramente molto scarno. Essendo finiti da un pezzo i tempi di sponsor che riempivano i pacchi gara il mio consiglio per il futuro è di abbandonare questi inutili pacchi gara e di sostituirli con qualcosa di originale e alternativo. Che so, una foto ricordo di un momento della gara con un primo piano del biker, sviluppato e spedito a casa sua.

La partenza

La partenza

Ma torniamo alla corsa. Siamo alla partenza e il posizionamento nelle relative griglie, tra competitiva e cicloturistica, non causano problemi di sorta e, con soli 7 minuti di ritardo sul ruolino di marcia quindi in orario quasi perfetto, si parte.

Da subito si nota l'ottimo lavoro organizzativo per segnalare e gestire il percorso che resterà eccellente per tutto l'intero percorso. Segnaletica orizzontale e verticale ad ogni svolta perfettamente segnalati come lo sono eventuali ostacoli sul terreno e le salite e discese pericolose.

Segnaletica lungo il percorso

Segnaletica lungo il percorso

Tanto di cappello per la segnaletica dunque, come tanto di cappello per la scelta dei percorsi della sezione che ci porterà al gran premio della montagna e relativo primo ristoro dentro al bosco delle bosco delle Casermette, luogo tristemente noto per l'omicidio di Melania Rea.

Nonostante il nostro gruppo batta spesso questa zona e conosca molti dei suoi percorsi, i Muddy Bikers sono riusciti comunque a stupire, scegliendo varianti divertenti e mai percorse con passaggi nei pressi di Pagliericcio e Cerqueto riuscendo addirittura, in alcuni casi, a mettere in seria difficoltà la bussola interna del sottoscritto.

La strappaculi che sembrava la via più logica per salire, viene sostituita da varianti simpatiche che alla fine portano all'ultimo tratto della stessa che quindi si percorre in grande agilità.

Un breve tratto su asfalto sulla SP54a ci porta all'ingresso della variante per il bosco. Questo tratto purtroppo non rende al massimo in questo verso in quanto alcune salite con pendenza elevata e tratti accidentati ne pregiudicano il divertimento. Qui infatti poggio per la prima volta i piedi a terra e, ovviamente, becco subito un tizio dell'organizzazione con telecamera al seguito che riprende il mio primo fallimento. Sigh.

Dal bosco delle Casermette dopo un breve tratto in discesa d'asfalto inizia la track più bella dell'intera giornata. Venti minuti di discesa molto tecnica e divertente tra i boschi, con gli alberi che sfrecciano di fianco, i canaletti, le roccette, i saltini e tutto quello che un bikers può chiedere.

Io ti battezzo, biker d'eccellenza, per la prima volta

Io ti battezzo, biker d'eccellenza, per la prima volta

Senza ombra di dubbio, la più bella track che abbia fatto finora. E il divertimento prosegue dentro le viuzze di Ripe, e nei successivi sentieri a valle che tagliano, dritto per dritto, la strada che porta a Rocca Ischiano e, ad un certo punto, boom, ci ritroviamo con l'acqua fino alle ginocchia, dentro al fiume Salinello. Godimento puro.

Il percorso prosegue poi per un paio di Km fino a Rocca Ischiano, punto dove spesso lascio la macchina per le mie sortite sul monte Foltrone e verso Macchia da Sole.

Qui il percorso devia di nuovo verso la valle del Salinello, in una track molto bella che avevo percorso, in salita, un paio di settimane fa e devo dire che, in discesa, ha tutto un altro sapore.

Io ti battezzo, biker d'eccellenza, per la seconda volta

Io ti battezzo, biker d'eccellenza, per la seconda volta

Ovviamente, questa volta me lo aspetto e infatti, boom, di nuovo con l'acqua fino alle ginocchia, per la seconda volta, dentro al fiume Salinello. Divertentissimo.

Da qui si risale verso la SP53 e piano Risteccio dove incontro il secondo ristoro e, da qui, iniziano le note dolenti. Siamo saliti tanto, siamo scesi con tanto divertimento e ora ci propinano un lunghissimo tratto a mezza costa con dei muri in salita veramente improponibili. Io e il gruppetto con cui sto affrontando questo tratto, siamo spesso costretti a scendere dalle bici e a affrontare questi "muri" a piedi. E sono muri intervallati da brevi discese che spezzano il fiato e il morale e infatti le imprecazioni nei dintorni si sprecano.

Ok, questa seconda parte la posso tranquillamente accettare per chi ha fatto la competitiva ma per noi della cicloturistica è un tratto veramente impossibile. C'è chi ha detto che, in realtà le salite erano meno impegnative del primo tratto ed è vero, risaliamo di solo 400 metri invece dei 700 del primo tratto ma innazitutto questi 400 metri li facciamo salendo e scendendo e inoltre abbiamo già sulle gambe i primi 700 metri di dislivello.

Insomma seconda parte negativa. Poi vengo a sapere che i "ritardatari" della cicloturistica, al secondo ristoro, sono stati dirottati sulla SS81 e gli viene, per fortuna, risparmiato questo tratto. Una ottima scelta.

L'unica nota positiva è che giunti per la seconda volta al bivio di Pagliericcio, la discesa a Villa Passo è veramente divertente e, in parte compensa la grande fatica di questa seconda parte.

Un tratto particolarmente scivoloso

Un tratto particolarmente scivoloso

Mi evito poi la salita a Monsanto che ben conosco e che, a parte il tratto in basso divertente, ha di nuovo un inutile muro e una discesa quasi tutta su asfalto che quindi lascio a chi ha ancora energia nelle gambe, e giungo quindi all'arrivo.

Vengo a sapere di alcuni disguidi sull'ordine di arrivo della competitiva. Bikers che erano stati messi come primi di categoria, vengono retrocessi di varie posizioni per errori nel prendere gli arrivi. Occhio ragazzi, questi sono errori gravi e possono dare molto fastidio. L'anno prossimo maggiore attenzione a questi dettagli.

Ottima la possibilità della doccia che, per fortuna, nonostante il cartello alla partenza dichiarasse disponibile fino alle 12:30, è stata fruibile fino alle 13:30.

Ultima nota dolente, la mancanza di qualcosa alla fine, un biscottino, un bicchiere di the, un pasta party e quindi, per recuperare le forze, ripieghiamo sul vicino Ristorante Miami dove, per fortuna, veniamo a sapere da altri bikers che esiste una convenzione a 15 euro che ci permette di apporfittare di un terzo tempo adeguato alla fatica affrontata.

Terzo Tempo

Terzo Tempo

Riassumendo, un lavoro eccellente e certosino nella scelta del percorso da rimodulare solo per quanto riguarda la parte cicloturistica magari avvertendo preventivamente i bikers di ciò che gli aspetta. Alcuni piccoli errori di gioventù, che saranno sicuramente limati nei prossimi anni, e una maggiore presenza di partecipanti  sono degli elementi chesicuramente faranno di questo evento un punto di riferimento per la MTB nostrana dei prossimi anni.

Le foto sono mie, di Maurizio Catalani e di Mimmo di Giacomo.

Distanza totale: 26.67 km
Altitudine massima: 938 m
Altitudine minima: 432 m
Totale salita: 1119 m
Totale discesa: -1115 m
Tempo totale: 02:57:23
Scarica